Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e le funzionalità di social login.

Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili.

Per maggiori informazioni consulta il testo della legge.                        

Articoli

Il primo libro di un nostro alunno "Inseguito dal tempo"

Martedì 17 ottobre, presso la Mondadori Bookstore di Piano di Sorrento, alla presenza di numerosi insegnanti e compagni di scuola, il diciassettenne Michele Esposito, studente della classe IV D TU del nostro Istituto, ha presentato il suo primo libro “Inseguito dal tempo”. Madrina di battesimo della creatura letteraria è stata Mariella Nica, docente del San Paolo nonché vulcanica animatrice dei più disparati eventi culturali della Penisola. “L’ispirazione non è un privilegio esclusivo dei poeti o degli artisti in genere” dice la poetessa Wislawa Szymborska. “C’è, c’è stato e sempre ci sarà un gruppo di individui visitati dall’ispirazione. Sono tutti quelli che coscientemente si scelgono un lavoro e lo svolgono con passione e fantasia… Il loro lavoro può costituire un’incessante avventura, se solo si è capaci di scorgervi sfide sempre nuove… L’ispirazione, qualunque cosa sia, nasce da un incessante ‘non so’.

Di persone così non ce ne sono molte… Michele Esposito, ha saputo cogliere l’ispirazione e ha lavorato con passione… e il prodotto della sua passione è proprio il suo lavoro “Inseguito dal tempo”. Il testo, di genere fantascientifico, affascina. Intrigante la considerazione che la scienza… “è andata avanti, forse troppo, ha oltrepassato un limite che l’umanità non era ancora pronta a superare, … e adesso il mondo intero è in rovina a causa di quest’errore, e toccherà a noi rimettere le cose a posto”… è ciò che afferma lo scrittore, ma aggiunge anche che il mondo cambierà se tutti gli uomini desiderano un mondo di pace.

È la manifestazione della crescita di una bella personalità di un ragazzo semplice, educato, silenzioso, dal cuore sensibile, generoso con il gruppo classe, riflessivo, umile, timido, ma di una timidezza… dirompente, capace di travolgere giovani e adulti.

Il dirigente, gli insegnanti, gli studenti e l’intera comunità scolastica esprimono sentimenti di orgoglio e di emozione per questa prima affermazione pubblica di Michele, “figlio” del San Paolo. Forte e pieno di speranza è il messaggio di sintesi che possiamo cogliere con il prezioso contributo della prof.ssa Elisabetta Castellano, insegnante di lettere del giovane scrittore: il mondo è meraviglioso… si deve insegnare la pace, il bene e il bello!

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter